Cantantibus Organis Inverno 2015

Era il lontano 1980 quando, non ancora in seminario, venni a Barberino di Mugello e incontrai il caro mons. Giuliano Catani, per preparare una scheda dell’organo della Pieve. Mi chiese questo favore il caro mons. Luigi Sessa poiché si cercava di preparare le schede descrittive degli organi della diocesi di Firenze in vista di un censimento degli stessi strumenti. Non avrei mai pensato che nei trentacinque anni seguenti sarei succeduto a don Giuliano prima al Sacro Cuore a Firenze e poi qui a San Silvestro a Barberino.

Al mio arrivo lo scorso anno dopo aver acceso l’organo mi sono reso conto che avrebbe avuto bisogno di una buona ristrutturazione.

Insieme al caro Mo. Umberto Cerini, discepolo che ha ormai abbondantemente superato il maestro, abbiamo cercato un organaro che potesse preparare un preventivo per il lavoro all’organo.
Ottenuto il preventivo bisognava trovare i fondi per la realizzazione del lavoro.

Parlando con il caro amico Roberto Marcori, in forza dell’amicizia spirituale e umana che ci lega da tanti anni ormai egli si è reso disponibile ad aiutarci per far tornare l’organo a lodare nuovamente il Signore accompagnando la preghiera della comunità cristiana.

Nel ringraziarlo dell’aiuto ho proposto di dedicare il progetto in memoria della sua mamma: la cara mamma Ada che ho avuto la gioia di conoscere personalmente durante il mio servizio pastorale al Sacro Cuore e della quale ho apprezzato la nobiltà d’animo, la sensibile tenerezza materna e la profonda fede cattolica.

Ed eccoci a questa serie di concerti che sono lieto di presentare alla Comunità di Barberino, Cavallina, Montecarelli e Cirignano e che spero siano soltanto l’inizio di una lunga serie di eventi musicali che vivremo in seguito.
Questo grazie anche alla presenza dell’Istituto Diocesano di Musica Sacra, del quale il Mo. Cerini è Vice Direttore, e all’interesse di tante persone desiderose di realizzare nel Mugello un centro di diffusione e sostegno della Musica Sacra a servizio della Liturgia.

Il cammino è iniziato… altre idee sono in ponte… vediamo dove ci porterà!

Il Pievano
Don Stefano Ulivi

PROGRAMMA

29 novembre 2015

 

  • ore 17.30 – S. Messa e Benedizione dell’organo
  • ore 18.30 – Concerto
Musica per organo tra città germaniche e basiliche fiorentine

un incontro di sfere musicali lontane nell’Europa tra XVI e XVIII secolo

 

MUSICA NELLA SANTA MESSA

 

IngressoGioseffo Guami (1540-1612)
Toccata del II tono

OffertorioGirolamo Frescobaldi (1583-1643)
Ricercar dopo il Credo (dai Fiori musicali – Messa della Madonna)

ComunioneCristoforo Malvezzi (1547-1597)
Canzone seconda a 4

FineGirolamo Frescobaldi (1583-1643)
Partite sopra l’Aria di Fiorenza

 

CONCERTO

 

Georg Muffat (1653-1704)
Toccata secunda, da Apparatus musico-organisticus (1690)

Johann Caspar Ferdinand Fischer (1656-1746)
Chacconne in F

Georg Böhm (1661-1733)
Partite sul corale “Wer nur den lieben Gott lässt walten”

Anonimo (Ferdinando de Medici? 1663-1713)
Tochata in sol min. Passagagli

Giovanni Maria Casini (1652-1719)
Pensiero III

Francesco Feroci (1673-1750)
dalla Suite in sol magg. (senza indicazione di tempo)
Allegro (Giga)

Giuseppe Gherardeschi (1759-1815)
Rondò in Fa magg.

dal manoscritto S. Marco 952 (Biblioteca Medicea Laurenziana)
Messa III de’ vivi
Offertorio – Marcia (Anonimo)
Elevazione (Alessandro Felici, 1742-1772)
Postcommunio – Toccata in d 3 ♯ (Anonimo)

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Herr Gott, nun scleuß den Himmel auf BWV 1092 (Neumeister Chorales)
O Lamm Gottes unschuldig BWV 1095 (Neumeister Chorales)
Durch Adams Fall ist ganz verderbt BWV 1101 (Neumeister Chorales)
Fuga sopra Magnificat BWV 733

UMBERTO CERINI, organo

11 dicembre 2015 – ore 21.00

Tra città eterna e Regno di Napoli

musica organistica a Roma e Napoli tra XVII e XVIII sec.

Girolamo Maria Trabaci (1575-1647)
Gagliarda Quarta “alla Spagnola”
Durezze et Ligature
Gagliarda Quinta Cromatica “detta la Trabacina”

Girolamo Frescobaldi (1583-1643)
Toccata Prima (dal II Libro)
Canzon dopo l’Epistola (dai Fiori Musicali, Messa degli Apostoli)
Toccata per l’elavazione (dai Fiori Musicali, Messa degli Apostoli)
Canzon quarti toni dopo il Postcommunio (dai Fiori Musicali, Messa degli Apostoli)
Capriccio V sopra la Bassa Fiamenga

Bernardo Storace (ca. 1635-ca.1705)
Ciaccona
Ballo della Battaglia

Domenico Scarlatti (1685-1757)
Sonate K. 41, K. 87, K. 61

Anonimo (Napoli, XVIII sec.)
Pastorale (Allegretto)
Pastorale per la Notte del SS. Natale “col ballo de’ pastori”

ALFONSO FEDI, organo

5 gennaio 2016 – ore 21.00

Aure placide spirantes

voce ed organo per il Natale nell’Europa del ‘700

Bernardo Pasquini (1637-1710)
Introduzione e Pastorale

Giacomo Antonio Perti (1661-1756)
Surge Aquilo et veni Auster, mottetto per il SS.mo Natale

Anonimo (Ferdinando de Medici? 1663-1713)
Passagagli Pastorali

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Pastorella in Fa BWV 590
Aria “Öffne dich, mein ganzes Herzes” dalla Cantata BWV 61
Vom Himmel hoch, da komm ich her, fughetta manualiter BWV 701
Aria “Erfüllet ihrr himm lischenn” dalla Cantata BWV 1
(trascrizione per soprano ed organo obblig.)
Fuga sopra Vom Himmel hoch, da komm ich her BWV 700

Francesco Feroci (1673-1750)
Pastorale un poco bigia fatta apposta per la gigia (l’autore è Tordi e Noci)

Giuseppe Giordani (1751-1798)
Jubilate Do, Offertorio per la Festa del SS.mo nome di Gesù, per soprano e organo obbligato

S.Alfonso Maria de Liguori (1696-1787)
Fermarono i cieli, canzoncina spirituale per il SS.mo Natale
Quando nascette ninno, canzoncina spirituale per il SS.mo Natale

FRANCESCA BIZZARRI, soprano
UMBERTO CERINI, organo

I MUSICISTI
UMBERTO CERINI

Nasce a Firenze nel 1985. Si diploma brillantemente in organo e composizione or- ganistica nel 2008, presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze, studiando privatamente coi maestri Massimo Niccolai e Francesco Rizzi. Sempre a Firenze consegue, nel 2009, il Diploma Accademico di I livello in clavicembalo col massimo dei voti e la lode, sotto la guida della professoressa Annaberta Conti, e nel 2011 il Diploma Accademico di II livello in clavicembalo (massimo dei voti e lode), sotto la guida del Mo. Alfonso Fedi. Si specializza infine in organo barocco col maestro Lorenzo Ghielmi, diplomandosi brillantemente nel 2012 presso l’Istituto di Musica Antica della Scuola Civica di Milano. Dal 2005 al 2007 ha studiato composizione con il Mo. Antonio Anichini presso l’IMP “Rinaldo Franci” di Siena.

Ha collaborato con importanti direttori nel campo della musica antica, quali Ottaviano Tenerani (Dixit Dominus di Händel, Firenze) e Alfonso Fedi (Il ritorno di Ulisse in patria di Monteverdi, Palazzo Pitti, Firenze). Nel 2012 partecipa alle selezioni per la formazione dell’Ensemble Orchestrale Giovanile della fondazione Pietà dei Turchini (Napoli), risultando vincitore della borsa di studio in qualità di organista. Tra il dicembre 2013 e il gennaio del 2014 dirige, come maestro al cembalo, Dido and Aeneas di Henry Purcell, eseguito anche all’Accademia Listz di Budapest. Nel 2014 consegue il secondo premio (primo premio non assegnato) al Concorso Organistico Internazionale “Elvira di Renna” (Faiano, SA) e nel 2017 riceve il Premio “Ada Cullino Marcori” per i suoi studi sulla musica organistica nella Firenze del ‘700. Ha collaborato con l’Ensemble “L’aura rilucente”, suonando nell’ambito del Festival di Ambronay e dei concerti organizzati dall’Accademia Bizantina (Ravenna).

Dal 1999 è organista della Chiesa di S. Maria a Peretola (FI) e, dal 2013, organista della chiesa di S. Giovanni Battista (chiesa dell’Autostrada del Sole). È stato organista della Cappella della Cattedrale di San Miniato (PI). Dal 2012, succedendo al Mo. Alfonso Fedi, è direttore del coro “Cantori di San Giovanni”, coi quali ha affrontato un ampio progetto di riscoperta e esecuzione della musica sacra della Firenze barocca, riaffermando così quel legame del coro con la città. Dal luglio del 2015 è Maestro di Cappella dell’Insigne Basilica Ambrosiana di San Lorenzo (Firenze). È Vicedirettore dell’Istituto Diocesano di Musica Sacra dell’Arcidiocesi di Firenze, presso il quale è docente di organo, armonia, canto gregoriano, clavicembalo e basso continuo. Svolge il Dottorato di ricerca in Storia delle Arti e dello Spettacolo presso l’Università di Firenze.

ALFONSO FEDI

Fiorentino, dopo essersi diplomato in organo e clavicembalo con il massimo dei voti, lode e menzione speciale, si è perfezionato al Conservatorio di Amsterdam con Gustav Leonhardt (1981-1983).

Primo premio assoluto al Concorso di Esecuzione Clavicembalistica di Bologna (1985), ha effettuato registrazioni per radio nazionali ed estere e si è esibito come solista in quasi tutti i paesi europei, Stati Uniti, Israele e nelle più prestigiose rassegne italiane.

Ha tenuto corsi e seminari di interpretazione del repertorio per tastiera dei secoli XVII e XVIII in Francia, Spagna, Austria, Svizzera e Germania ed è spesso invitato come membro di giuria in concorsi internazionali.

Dopo aver insegnato organo, musica d’insieme e clavicembalo (perfezionamento) alla Fondazione Scuola di Musica di Fiesole, alla HEM di Ginevra e alla New York University, è attualmente docente di clavicembalo e musica d’insieme per strumenti antichi al Conservatorio Cherubini di Firenze.

Dal 2001 al 2009 è stato maestro di cappella e organista titolare della Cattedrale di Santa Maria del Fiore (Firenze).

Ha inciso per Accord, Arts, Virgin Classic, Tactus e Sonitus.

FRANCESCA BIZZARRI

Nasce a Montevarchi nel 1982. Dopo aver intrapreso privatamente lo studio del flauto traverso col Mo. Bice Colesanti, consegue nel 2007 il diploma in Flauto presso l’Istituto Pareggiato Rinaldo Franci di Siena. Successivamente frequenta corsi di perfezionamento di flauto col Mo. Michele Marasco e di ottavino col Mo. Nicola Mazzanti. Come flautista dal 2010 svolge regolare attività didattica in scuole private e pubbliche (docente di flauto presso le scuole medie a indirizzo musicale). Nell’anno accademico 2012/2013 ha frequentato con profitto il tirocinio in flauto traverso presso la classe del Mo. Paolo Zampini. Dal 2011 al 2013 ha frequentato il Biennio specialistico di “Musica Vocale da Camera” presso il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, sotto la guida del Mo. Leonardo de Lisi, e ha conseguito brillantemente il Diploma Accademico di Secondo Livello nel febbraio del 2014, con una tesi e un recital (con chitarra) dedicati alla Folksong inglese e spagnola, incentrati su musiche di Britten, Duarte, Rodrigo e Palomo. Ha frequentato numerosi stages di Canto e Vocalità barocca con il soprano Jill Feldmann e col controtenore Kai Wessel (presso Accademia Europea di Musica e Arte di Montepulciano, settembre 2013). Ha conseguito quindi il Diploma Accademico di I Livello in Canto Rinascimentale e Barocco presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze sotto la guida di Patrizia Vaccari.

Ha affrontato lo studio del repertorio contemporaneo approfondendone l’approccio stilistico e la tecnica con il soprano Francesca Della Monica. Ha fatto parte del coro “La Corte di Orfeo”, diretto dal Mo. Valerio del Piccolo, col quale ha affrontato prevalentemente repertorio medievale, rinascimentale e contemporaneo. Ha eseguito inoltre l’oratorio Jephte di Carissimi, nel ruolo della Filia.

Nel Febbraio 2013 è entrata a far parte della Cappella Musicale della Cattedrale di San Miniato (PI) diretta dal Mo. Carlo Fermalvento. Collabora stabilmente col coro “Cantori di San Giovanni” (attuale Cappella Musicale della Basilica di San Lorenzo di Firenze), diretto dal Mo. Umberto Cerini, col quale ha eseguito musiche inedite del barocco fiorentino (lavori di compositori quali Pietro Sanmartini, Giovanni Maria Pagliardi e Charles-Antoine Campion) tra le quali la prima esecuzione italiana in tempi moderni del “Dixit Dominus” per soprano, coro e basso continuo del giovane Luigi Cherubini. Diretta dal Mo. Raffaele Puccianti ha cantato con Opera Polifonica in molte occasioni, affrontando repertorio polifonico rinascimentale a cappella, e nel coro Harmonia Cantata, eseguendo, come soprano solista, la cantata BWV 61 di J.S.Bach. Ha cantato diretta dal Mo. Fabio Lombardo nel progetto “Bach Chorus” col quale ha eseguito il mottetto “Jesu Meine Freude” di J.S. Bach.